TV: COMMISSIONE UE, PASSAGGIO A DIGITALE POSSIBILE NEL 2012

TV: COMMISSIONE UE, PASSAGGIO A DIGITALE POSSIBILE NEL 2012
BRUXELLES
(ANSA) – BRUXELLES, 16 FEB – Procede a passo spedito, in Europa, il passaggio dalla televisione analogica a quella digitale. E’ quanto fa sapere oggi la Commissione europea che indica il 2012 come anno del trasferimento definitivo di tutte le trasmissioni europee. In Italia, sottolinea la Commissione, il passaggio sarà  completato nel 2012, quando a chiudere le trasmissioni via etere saranno anche altri 14 Stati membri tra cui Francia, Gran Bretagna, Belgio e Grecia. “Nel complesso – si legge in un comunicato di Bruxelles – l’abbandono dell’analogico in Europa è a buon punto ed è già  stato completato in cinque Stati (Germania, Finlandia, Lussemburgo, Svezia e Paesi Bassi) ed il termine fissato dall’Ue come limite per il trasferimento, ovvero il 2012, dovrebbe essere rispettato”. Il digitale, spiega il commissario ai Media Viviane Reding, renderà  disponibili più canali e nuovi servizi televisivi (migliore qualità  dell’immagine e del suono) che “stimoleranno l’innovazione e le opportunità  di crescita”. La Commissione al momento lavora ad un approccio comune per quanto riguarda l’uso dello spettro liberato dal passaggio al digitale, per massimizzare i vantaggi per il mercato interno.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi