GIUSTIZIA: ‘L’ESPRESSO’, IN TRIBUNALI ACCUMULATE 9 MLN CAUSE

GIUSTIZIA: ‘L’ESPRESSO’, IN TRIBUNALI ACCUMULATE 9 MLN CAUSE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 26 FEB – Scarsa produttività , alta disorganizzazione, merito non premiato. Così nei tribunali si sono accumulate quasi 9 milioni di cause non smaltite: l’arretrato civile è di 5,4 milioni di fascicoli, quello penale di 3,3 milioni. Ad evidenziarlo è un articolo sul numero de ‘L’Espressò da domani in edicola. Un processo civile, rileva il settimanale, dura in media 960 giorni per il primo grado, 50 mesi l’appello. Quasi sette anni prima di arrivare alla Cassazione: un tempo “umiliante che distrugge la vita delle aziende e dei cittadini”. Nel penale ci vogliono 426 giorni per la prima sentenza e due anni per l’appello. ‘L’Espressò cita poi un lavoro condotto da Riccardo Marselli e Marco Vannini, professori che si dedicano da anni ad applicare valutazioni oggettive al mondo dei tribunali: ebbene, ben 17 distretti giudiziari su 29 risultano “tecnicamente inefficienti”. I due docenti giungono a una conclusione pessimistica: “la quantità  dei fascicoli che si accumula è tale da annichilire ogni speranza. Senza demolire questa zavorra non si può rendere efficace il sistema”. Allo stesso tempo però, la ricerca statistica sottolinea come si possa fare di più: “se tutti i magistrati si portassero sul livello dei più sgobboni, un decimo dell’arretrato nel civile e il 14% di quello penale potrebbe venire cancellato”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari