Editoria, New media

02 marzo 2009 | 10:55

EDITORIA:PER QUOTIDIANO DEL POPOLO ON LINE ITALIA NON ESISTE

POL:EDITORIA
2009-02-28 16:52
EDITORIA:PER QUOTIDIANO DEL POPOLO ON LINE ITALIA NON ESISTE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 28 FEB – L’Italia non è un’ “opportunità  politica” per la Cina. Almeno per il ‘Quotidiano del popolo’, l’organo ufficiale di informazione del colosso comunista. “Il Belpaese? Non esiste. Neanche la gaffes di Berlusconi riescono a strappare qualche byte ai grandi del mondo”, dice Emma Lupano, 30 anni, comasca, prima giornalista italiana a lavorare nella redazione on line in lingua inglese del giornale di Pechino, che racconta domani in esclusiva la sua esperienza al quotidiano ‘La Provincia di Como’. Laureata in Scienze politiche, dottoranda e sinologa, una lunga esperienza di studio e ricerca in Cina, la reporter si dedica a correggere gli articoli scritti in inglese dai colleghi cinesi e ne scrive lei stessa, su temi legati alla società . L’edizione on line del ‘Quotidiano del popolo’, in cinese ‘Renmin wang’, è considerata l’interfaccia tra Pechino e il mondo occidentale, una specie di cuore pulsante della propaganda. Dunque, un osservatorio interessante per leggere l’immagine che dì sé vuol dare il colosso cinese, non estraneo agli effetti della recessione internazionale. “Questa è la politica del Renming wang: dare spazio a qualche voce straniera e meno istituzionale , nella speranza di vedere aumentare i click sul sito – scrive Emma Lupano – Mentre il Paese vive gli effetti della crisi globale, il Quotidiano del popolo preferisce dare eco alle parole dei leader o evidenziare in modo spropositato le storie positive”. Quella del ‘Quotidiano del popolo’, aggiunge la reporter comasca “é una Cina orgogliosa, prospera, potente. Con un malcelato senso di superiorità . Per questo può dialogare con le potenze internazionali. Gli italiani, se se la cavano con inglese e cinese, li usano al massimo per correggere i loro articoli”. (ANSA).
RED-PER/ S0A S41 QBXB

Comments are closed.