Televisione

02 marzo 2009 | 17:45

RAI: GELLI, NO A CDA SI’ AMMINISTRATORE NOMINATO DA PREMI

POL:RAI
2009-03-02 15:24
RAI: GELLI, NO A CDA SI’ AMMINISTRATORE NOMINATO DA PREMIER
A KLAUSCONDICIO, SINDACATO GIORNALISTI VA RIDIMENSIONATO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 2 MAR – Abolire il consiglio di amministrazione della Rai e fare spazio a un amministratore delegato nominato direttamente dal premier Silvio Berlusconi: è l’opinione di Licio Gelli, ex capo della Loggia P2, intervistato oggi a KlausCondicio, la trasmissione di approfondimento politico via web in onda su YouTube. “Bisognerebbe abolire il cda, che è inutile, e scegliere un amministratore delegato direttamente nominato dal premier Silvio Berlusconi”, ha detto Gelli. A suo giudizio, “la Rai bisogna rifarla quasi completamente tutta, perché per educare bisogna dare degli esempi. E’ venuto il momento”. Per Gelli, a Viale Mazzini, “la sinistra un po’ di potere ce l’ha, perché per il consiglio di amministrazione è sempre in ballo. Non c’é nessuna serietà , non c’é nessuno che comanda. Anche il presidente e il direttore generale non comandano nulla. Ogni partito ha mandato una pattuglia e tutte si scambiano favori tra di loro”. Quanto alle prossime mosse di Berlusconi con la Rai, “bisogna vedere – ha detto ancora Gelli – se vorrà  mettere in atto quello che è il suo programma. Però vedo che ha tutti contro. In quell’azienda bisogna reintrodurre principi gerarchici”. Secondo l’ex venerabile maestro della P2, “il sindacato dei giornalisti Rai ad esempio, dovrebbe essere ridimensionato e direi che dovrebbe essere limitato a pochi, per fare degli interventi soltanto sostanziali”. (ANSA).
COM-MAJ/ S0A QBXB

Comments are closed.