New media

03 marzo 2009 | 19:11

UE: PIU’ BANDA LARGA PER RIVITALIZZARE REGIONI RURALI

 
ECO:UE
2009-03-03 17:38
UE: PIU’ BANDA LARGA PER RIVITALIZZARE REGIONI RURALI
BRUXELLES
(ANSA) – BRUXELLES, 3 MAR – L’Italia può contare su un’ampia copertura per la connessione Internet ad alta velocità  – 100% nella aree urbane e 82% in media in quelle rurali – ma “in Toscana, ad esempio, tre quarti delle aziende agricole non utilizzano Internet, rendendo più difficile la pianificazione della produzione, la commercializzazione dei prodotti e l’accesso ai prezzi sui mercati internazionali. Ma anche, la consultazione delle previsioni meteo, o ancora la definizione di accordi di cooperazione con altri attori di mercato”. E’ questo uno degli esempi riportati dalla Commissione europea nel rilanciare oggi a Bruxelles – su iniziativa delle commissarie Ue all’agricoltura Mariann Fischer Boel e Viviane Reding per la società  dell’informazione, la sfida di realizzare “la banda larga per tutte le regioni rurali europee entro il 2010″. All’appello manca il 30% della popolazione rurale: infatti, mentre il 93% degli europei, in media, possono accedere alla banda larga, questa proporzione scende al 70% nelle aree rurali, ed in alcuni paesi – come Grecia, Polonia, Slovacchia, Bulgaria o Romania – il tasso di copertura della popolazione rurale scende al 50% e anche meno. Per realizzare questa sfida la Commissione europea ha proposto di mettere a disposizione un miliardo di euro di fondi nell’ambito del piano di rilancio economico lanciato il 28 gennaio scorso, ora in discussione al Consiglio Ue e al Parlamento europeo. (ANSA).
LEN/ S0A S04 S04 INT QBXB

Comments are closed.