TLC

05 marzo 2009 | 16:05

TELECOM: “WORKING CAPITAL” PER RILANCIO INNOVAZIONE IN ITALIA

TELECOM: “WORKING CAPITAL” PER RILANCIO INNOVAZIONE IN ITALIA

MILANO (ITALPRESS) – Nasce “Working Capital”, il progetto con cui Telecom Italia intende sostenere le migliori iniziative imprenditoriali nell’ambito del web 2.0 e delle nuove frontiere di Internet.
Lo ha annunciato oggi l’Ad di Telecom Italia, Franco Bernabe’, in occasione dell’incontro “Dialogo sull’Innovazione, sul potere delle idee e la promozione della qualita’ come motore di un nuovo concetto d’impresa” che si e’ svolto a Milano alla presenza di Paolo Barberis, presidente di Dada.net, Gianluca Dettori, fondatore di Dpixel, Ivan Lo Bello, presidente di Confindustria Sicilia, e Riccardo Luna, direttore di Wired Italia.
Working Capital si propone come uno strumento concreto per il rilancio dell’innovazione tecnologica in Italia e si avvale di un investimento complessivo equivalente a 5 milioni di euro in due anni. Un comitato composto dal top management di Telecom Italia e da autorevoli esperti del settore avra’ infatti il compito di individuare progetti d’impresa in settori come ad esempio i social media, le web tv, la musica digitale e il digital marketing.

TELECOM: “WORKING CAPITAL” PER RILANCIO INNOVAZIONE IN (2)

Le migliori idee d’impresa tra quelle che verranno proposte anche attraverso il sito potranno usufruire delle infrastrutture evolute e del know-how tecnologico di Telecom Italia, che diventera’ loro partner tecnico e concorrera’ all’effettivo sviluppo di servizi innovativi a favore della comunita’, coerentemente con l’obiettivo dell’azienda di contribuire alla promozione dell’innovazione e alla modernizzazione del sistema Paese.
“Telecom Italia guarda con estrema attenzione agli sviluppi del mondo Internet in Italia, e vuole dare un contributo a questo processo anche mettendo a disposizione dei soggetti piu’ meritevoli risorse e competenze”, ha dichiarato Franco Bernabe’.
“Siamo infatti convinti che il rinnovamento economico e sociale del nostro Paese possa essere facilitato da una generazione di nuovi promettenti imprenditori che sappiano interpretare il futuro della comunicazione digitale”.

Comments are closed.