CINEMA: ACCORDO CINETEL-NIELSEN EDI PER LETTURA DATI IN RETE

SPE:CINEMA
2009-03-05 16:34
CINEMA: ACCORDO CINETEL-NIELSEN EDI PER LETTURA DATI IN RETE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 5 MAR – Sottoscritto ieri a Roma, all’Agis, un accordo tra Cinetel, la società  paritaria esercenti e distributori che rileva l’andamento del mercato cinematografico italiano, e la Nielsen Edi, che monitorizza i dati dei mercati internazionali. In base all’intesa, la Nielsen Edi fornirà  a Cinetel i software Flash, Flash wireless e filmsource, per consentire una più agevole e analitica lettura dei dati italiani trasmessi attraverso la rete, e per accedere ai dati riferiti al mercato statunitense, oltre a quattro territori europei. Cinetel metterà  a disposizione di Nielsen Edi i dati sugli introiti cinematografici nazionali e informazioni sull’uscita dei film in Italia, al fine di poterli diffondere sui siti statunitensi e mondiali. “Lavoriamo con impegno a questo contratto da oltre un anno, con il sostegno di tutta la filiera cinema – ha detto il presidente di Cinetel, Roberto Ferrari -. Crediamo nell’utilità  dell’accordo firmato ieri, che ci permette di fornire ai nostri clienti un servizio più accurato ed esteso”. “Siamo soddisfatti dell’esito raggiunto – ha commentato l’amministratore delegato di Cinetel, Richard Borg – perché mette in condizione noi e tutta l’industria cinematografica italiana di avere una migliore conoscenza dei mercati esteri e di far conoscere all’estero i risultati del nostro mercato”.(ANSA).
COM-SAM/ S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo