Comunicazione

09 marzo 2009 | 11:11

RAI: DE BORTOLI, DAL CORRIERE AL SOLE, 35 ANNI IN PRIMA PAGINA

RAI: DE BORTOLI, DAL CORRIERE AL SOLE, 35 ANNI IN PRIMA PAGINA
(AGI) – Roma, 8 mar. – E’ una lunga carriera nel giornalismo quella di Ferruccio De Bortoli, probabile nuovo presidente della Rai. Una carriera lunga oltre 35 anni, iniziata nel 1973 quando il futuro direttore del Corsera, allora un ventenne milanese di origini bellunesi, viene assunto come praticante al Corriere dei ragazzi. Poi, per la prima volta, entra nel quotidiano di via Solferino: lavora come cronista di cronaca bianca, di attualita’ sindacale e inizia a occuparsi di economia, conquistando la fiducia di Alberto Mucci, ex direttore del Sole 24 Ore, in quegli anni alla guida della redazione economia del quotidiano milanese. Arrivano gli anni della P2, cambiano azionista e direttore, e de Bortoli lascia la redazione del Corriere della Sera e passa all’Europeo. Nove mesi e va al Sole 24 Ore – gestione di Gianni Locatelli – dove resta sei mesi come caporedattore centrale. Nel frattempo si laurea in Giurisprudenza alla Statale di Milano. Nel 1987 torna al Corriere della sera come caporedattore dell’economia. Nel 1993 Paolo Mieli lo promuove vicedirettore e nel 1997 assume la guida del primo quotidiano italiano. Firma il giornale per sei anni intensi, caratterizzati tra l’altro dalle morti di Indro Montanelli e Maria Grazia Cutuli. Durante la direzione gestisce le notizie relative agli attentati dell’11 settembre 2001, si reca a New York per chiedere alla scrittrice fiorentina Oriana Fallaci di tornare a scrivere articoli dopo undici anni di silenzio. Il 29 settembre 2001 esce sul Corriere l’articolo “La rabbia e l’orgoglio”, a cui seguira’ l’omonimo libro edito da Rizzoli. Lascia il quotidiano di via Solferino il 29 maggio 2003, dopo due anni caratterizzati da rapporti difficili con il governo Berlusconi, anche se ufficialmente le dimissioni vengono motivate con “ragioni private” e “stanchezza”. Successivamente, assume l’incarico di amministratore delegato di Rcs Libri. Torna al giornalismo con la direzione del Sole 24 Ore, dove la sua nomina e’ fortemente voluta dal presidente di Confindustria, Luca Cordero di Montezemolo. Significativo l’editoriale con cui De Bortoli si presenta ai lettori: “Il Sole e’, e sara’, uno strumento di informazione credibile e onesto (ammetteremo i nostri errori), non l’arma impropria di una parte contro l’altra. Siamo per un bipolarismo compiuto, ma cio’ non vuol dire che anche i media debbano necessariamente arruolarsi con uno dei due schieramenti”.

Comments are closed.