Protagonisti del mese, Scelte del mese

12 marzo 2009 | 16:13

Personaggi – Umberto Veronesi. E’ nata una nuova paura

“In tutto il mondo occidentale più evoluto è nata una nuova paura: quella della vita artificiale, quello stadio di limbo senza coscienza che è un esito non voluto delle tecniche di rianimazione degli ultimi decenni”. Umberto Veronesi, senatore, ministro della Sanità  dall’aprile 2000 al giugno 2001, direttore scientifico dell’Istituto europeo di oncologia, torna sulla questione aperta dal caso Englaro. “Ciò che la gente teme”, spiega Veronesi, “è l’invasione della tecnologia medica nella sua vita e nel suo corpo. Molti di noi si oppongono allo strapotere di una medicina sempre più tecnologica e vogliono riappropriarsi del proprio corpo e del proprio destino”.
Nell’intervista, Veronesi sottolinea come   Beppino Englaro, il padre di Eluana, abbia “scelto di portare questo dibattito nell’agorà , vale a dire di porre il problema della vita artificiale al centro del dibattito civile”. “Beppino”, dice Veronesi, “avrebbe potuto lasciare andare sua figlia nella clandestinità , come normalmente succede. Invece ha voluto uscire dal silenzio e rompere quell’abitudine molto italiana al sotterfugio. Indipendentemente dal giudizio, il suo merito è stato quello di fare parlare la gente: non c’è stata casa dove non si sia discusso di questo dramma fra padri e figli, fra giovani e anziani”.

(La versione integrale dell’articolo è sul mensile Prima Comunicazione n. 393-marzo 2009)

Comments are closed.