Televisione

12 marzo 2009 | 16:35

SKY: FIORELLO, IL MIO SHOW IN TV SENZA L’ANSIA DELL’AUDITEL

SKY: FIORELLO, IL MIO SHOW IN TV SENZA L’ANSIA DELL’AUDITEL
(AGI) – Roma, 12 mar. – Senza l’ansia dell’Auditel, senza i vincoli di un programma, senza gli obblighi della pubblicita’ da mandare in onda. Fiorello torna in teatro e in tv, libero di dare sfogo alla sua creativita’. Dal primo aprile il mattatore siciliano portera’ il suo show sul palco di un enorme tendone appositamente costruito a Roma. Il ‘meglio’ di ogni serata sara’ poi trasmesso da Sky ogni giovedi’, venerdi’ e sabato. Musica, balletti, battute, monologhi, ospiti e ancora incursioni nei programmi della tv satellitare, perfino nel Tg. “Prenderemo spunto dall’attualita’ – ha detto Fiorello durante una conferenza stampa a Roma -. Ogni sera presenteremo uno spettacolo diverso, avremo ospiti, organizzeremo serate a tema”. Fiorello, che a maggio compira’ 49 anni, non ha nessuna intenzione di lasciare la scena: “Questo spettacolo – ha aggiunto – coincide con una data importante. Venti anni fa iniziavo le mie trasmissioni su Radio ‘Deejay’. Mi piaceva cambiare, fare qualcosa di diverso, rischiare, anche se sul satellite non c’e’ l’audience. Se non andra’ bene pazienza. Il lavoro nella mia vita e’ in secondo piano, per me conta solo la famiglia”. Fiorello – che si definisce un pigro – ha portato con se i suoi autori storici: da Francesco Bozzi ad Alberto di Risio, da Riccardo Cassini a Federico Taddia. Manca Marco Baldini, sua spalla in ‘Viva Radio due’: “Ha scelto di fare la ‘Fattoria’ e ha fatto bene – ha detto lo showman -. Ma lo aspetto sul palco. Appena esce lo metto su una sedia e gli dico di fare l’imitazione del cavallo e del maiale”. La parte musicale e’ affidata ancora una volta al maestro Enrico Cremonesi.

SKY: FIORELLO, IL MIO SHOW IN TV SENZA L’ANSIA DELL’AUDITEL (2)
(AGI) – Roma, 12 mar. – “Prima di questa avventura pensavo di starmene un po’ in disparte – ha raccontato durante l’incontro con la stampa, che inevitabilmente si e’ trasformato in un piccolo happening -. Volevo fare solo uno show teatrale 3-4 volte alla settimana a Roma. A piazzale Clodio – precisa – che e’ vicino a casa”. Poi e’ arrivata l’offerta “degli australiani” e il progetto Sky e’ decollato: “Questi sono bravissimi – ha aggiunto -. Questo e’ un altro mondo, sanno tutti l’inglese, ti mettono tutto a disposizione. Siete veramente bravi”, ha detto a Tom Mockridge, amministratore delegato di Sky Italia che gli sedeva a fianco. Il progetto non spaventa Fiorello: “E’ un’esperienza nuova, ma vivere significa rischiare e cambiare. Sono curioso di fare la prima puntata: attingeremo da qualsiasi cosa. Faremo ‘secco’ chiunque si sidera’ in platea: politici, cantanti, ma anche i miei spettatori. Ecco, spero che lo spettacolo nel teatro tenda (che andra’ in scena tutti i mercoledi’, i giovedi’ e i venerdi’ dal primo aprile al 19 giugno, ndr) diventi un appuntamento fisso per tanta gente”. Teatro, televisione e anche radio. Una parte dello show – ma nulla e’ stato ancora definito – potrebbe essere trasmessa anche da Radiodue in una ‘finestra’ de ‘Gli Spostati’. A chi gli chiedeva se sia piu’ difficile far ridere la gente in un momento di crisi come questo, Fiorello ha risposto di no: “Anzi e’ piu’ facile. La gente ha voglia di evadere. Quando facevamo Karaoke era il periodo di Tangentopoli, ne arrestavano tre al giorno, ma avevamo un grande successo. Anche quando c’e’ la guerra – ha detto ancora – c’e’ sempre un giullare che ti strappa una risata”.

Comments are closed.