Campidoglio/ Alemanno: Ho querelato l’Espresso per diffamazione

Campidoglio/ Alemanno: Ho querelato l’Espresso per diffamazione

“E’ tutto falso, parlerò con editore per capire loro malessere”

Roma, 13 mar. (Apcom) – Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha presentato una querela per diffamazione a mezzo stampa contro il settimanale l’Espresso, per l’inchiesta sui presunti stipendi d’oro attribuiti dall’amministrazione capitolina ai suoi dirigenti. Lo ha annunciato lo stesso Alemanno, a margine della presentazione dell’ordinanza sugli orari dei laboratori artigiani, spiegando che “è assolutamente falso che questa amministrazione stia distribuendo poltrone o stia spendendo soldi per stipendi d’oro. Oggi ho presentato querela – ha aggiunto – per diffamazione a mezzo stampa sia dal punto di vista penale che civile”.

“Come è stato presentato – ha spiegato Alemanno – è veramente equivoco, perchè vengono presentati come stipendi annui, stipendi che in realtà  fanno riferimento a un triennio. La spesa è nettamente più bassa della precedente amministrazione – ha continuato il sindaco – perchè non ci sono consulenze e altre realtà  di questo genere”. Al contrario, ha aggiunto, quella del Campidoglio è “una realtà  virtuosa che cerca di attrarre dirigenti validi per fare in modo di dare ai cittadini romani la migliore amministrazione”.

“Noi abbiamo stabilizzato – ha proseguito Alemanno – 2.300 persone che da nove anni erano in regime di precariato e non erano state stabilizzate dalla precedente amministrazione. Poi ci siamo avvalsi di dirigenti esterni per tutte quelle professionalità  e quelle competenze che non erano presenti nel Comune di Roma, ma sempre in una misura nettamente inferiore a quanto veniva fatto in precedenza. Il gruppo Espresso-Repubblica ci attacca ora su questo, ma ci attacca anche per l’Acea.
Cercherò – ha concluso – di capire con gli editori qual’è il loro malessere”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Liberare le frequenze sopra i 700 Mhz entro il 2020 dai segnali tv. Le mosse dell’Unione Europea per apire il mercato al 5G