EDITORIA: BENEDETTO, POLITICI FELICI SE I GIORNALI CHIUDESSERO

EDITORIA: BENEDETTO, POLITICI FELICI SE I GIORNALI CHIUDESSERO
(AGI) – Roma, 15 mar. – “C’e’ stato un momento, negli anni Ottanta, in cui i politici avevano consapevolezza dei problemi dell’editoria. E’ grazie a questa consapevolezza che oggi noi siamo ancora qui. In passato, tra centro destra e sinistra, i migliori politici nei rapporti con l’editoria sono stati i democristiani”. E’ quanto affermato nel corso di ‘Domenica In’, su Raiuno, da Marco Benedetto, vicepresidente del Gruppo Espresso. “Se siamo ancora vivi lo dobbiamo a loro e alla loro capacita’ di fare buoni accordi. Attualmente – ha aggiunto Benedetto -, per molte ragioni (compresa la presenza della televisione) i politici, certo non vorrebbero chiudere i giornali ma, se cio’ accadesse, farebbero un bel funerale e ne sarebbero, forse, ben felici”. Per quanto riguarda il futuro, “viviamo in un momento in cui, alla crisi economica generale, si somma la crisi dell’editoria, con un conseguente ridimensionamento, annunciato, dei giornali. Negli anni scorsi, gli editori hanno risposto alla crisi precedente dimezzando il personale e triplicando la produzione. Oggi, il nuovo ridimensionamento del personale giornalistico sarebbe meno morbido. I giornali passeranno da 64 a 32 pagine ma, restando in vita, saranno comunque la garanzia di una vera democrazia”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari