Comunicazione

18 marzo 2009 | 15:17

Tv/ Confalonieri: caduta di tono uscita di Mockridge su Auditel

Tv/ Confalonieri: caduta di tono uscita di Mockridge su Auditel

E’ chiaro che se uno perde la sera prima è colpa degli arbitri…

Cologno Monzese, 18 mar. (Apcom) – Le ultime dichiarazioni del numero uno di Sky Italia, Tom Mockridge, che ha chiesto di rinnovare la governance dell’Auditel, proponendo che le emittenti riducano la propria partecipazione sotto il 50%, “mi sono sembrate un po’ una caduta di tono, fuori luogo”. Lo ha affermato il presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri, nel corso della conferenza stampa di presentazione dei conti 2008.

“Se uno guarda la tv il lunedì gli arbitri sono sempre sotto accusa – ha detto Confalonieri – E’ chiaro che se uno perde la sera prima è sempre colpa degli arbitri, l’ultima uscita dell’ad di Sky Italia mi è sembrata un po’ una caduta di tono, fuori luogo”. “E’ chiaro – ha proseguito – che tutto è migliorabile ma mi sembra che l’Auditel ha funzionato bene. Chi investe migliaia di euro nelle tv non è uno sprovveduto”.

Sulla vicenda è intervenuto anche l’a.d. di Mediaset, Giuliano Adreani, spiegando che il sistema Auditel “è in tutto il mondo, anche in quei Paesi dove Sky opera, non c’è da nessuna parte un tipo di rilevazione degli ascolti diversa da quella di Auditel”.
“E poi Sky – ha concluso – è dentro l’Auditel, sia nel cda sia nel comitato tecnico”.

Comments are closed.