FIRENZE/PROVINCIA: PROGETTO ‘FLORENCE SMART CITY’ PER INNOVAZIONE

23-03-2009   17:39         [Regionali]
FIRENZE/PROVINCIA: PROGETTO ‘FLORENCE SMART CITY’ PER INNOVAZIONE
(ASCA) – Firenze, 23 mar – Al via il progetto ‘Florence smart city’, uno studio di fattibilita’ di progetti altamente innovativi per l’area metropolitana fiorentina, come la connettivita’, la sostenibilita’, l’intelligenza tecnologica urbana, le nuove forme di comunicazione e di social network. Il piano e’ stato lanciato nel corso di un focus group in occasione della visita al Mit di Boston del presidente della Provincia Matteo Renzi. Lo studio si avvarra’ della supervisione scientifica del Mit e sara’ coordinato a livello fiorentino dalla Fondazione per la Ricerca e l’Innovazione, partecipata dalla Provincia di Firenze e dall’Universita’ di Firenze. Il progetto ‘Florence Smart City’ godra’ dei contributi di centri di eccellenza, come quelli che arriveranno dall’ateneo fiorentino, e dai centri di ricerca di aziende leader mondiali nel settore dell’innovazione Al centro degli incontri di Boston c’e’ il tema dell’infomobilita’. In particolare e’ stato discusso il progetto ‘Wimove’, che ha per obiettivo quello di realizzare una gigantesca ‘bolla’ wireless di 8 km lungo la linea 1 del tram, da Firenze a Scandicci. Questa struttura di connettivita’ permettera’ di avere collegamento wireless gratuito sul tram e alle fermate della linea, nonche’ fruire di servizi di infomobilita’ in tempo reale quali la videocomunicazione, l’informazione sui tempi di attesa degli altri mezzi pubblici circolanti nell’area. In arrivo anche un sistema di ‘paline intelligenti’ per le linee degli autobus fiorentini.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari