Editoria

24 marzo 2009 | 19:25

GIORNALISTI: CONTRATTO;ASSEMBLEA LA NAZIONE,GIUDIZIO NEGATIVO

GIORNALISTI: CONTRATTO;ASSEMBLEA LA NAZIONE,GIUDIZIO NEGATIVO
FIRENZE
(ANSA) – FIRENZE, 24 MAR – Forte “preoccupazione” per il futuro della categoria e “assolutamente insufficiente” a ripagare i colleghi di un’attesa durata ormai quasi quattro anni e costata ben 18 giorni di sciopero. Questo, in sintesi, il giudizio dell’assemblea dei redattori de La Nazione sull’ipotesi di contratto nazionale illustrata dalla giunta della Fnsi. I giornalisti, per questo, hanno inviato una lettera al presidente della stessa Federazione e alla commissione contratto per chiedere “di proseguire la trattativa”. Pur riconoscendo il difficile quadro generale per l’editoria, accentuato dalla crisi, i redattori della Nazione, ritengono “non accettabile” che a cedere terreno siano ancora i giornalisti e i loro istituti. In particolare critiche vengono rivolte su alcuni punti dell’ipotesi di accordo: la multimedialità , “che non può essere lasciata sulle sole spalle dei cdr”; il distacco ad altre testate; le qualifiche di scrittura. Ancora più duri i redattori sono sulla parte economica sia sull’ipotesi dell’aumento di circa 260 euro in due anni, soprattutto in assenza di una una tantum, sia sul raffreddamento del meccanismo degli scatti che, scrivono, avrebbe “conseguenze non solo sulla busta paga, ma soprattutto sulle casse dell’Inpgi”.

Comments are closed.