GIORNALISTI: GRASSO, SIANI MORTO PER AVER TOCCATO POTERE

GIORNALISTI: GRASSO, SIANI MORTO PER AVER TOCCATO POTERE
(AGI) – Roma, 25 mar. – “Giancarlo Siani e’ morto perche’ ha toccato il potere”. E’ quanto ha detto questa mattina il procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso intervenuto alla presentazione dell’anteprima nazionale del film ‘Fortapasc’, di Marco Risi, che racconta la storia del giornalista Giancarlo Siani, ucciso a 26 anni dalla camorra nel 1985. “Potere – ha sottolineato ancora Grasso – non solo rappresentato dalle organizzazioni criminali nel loro aspetto militare ma quel potere criminale che si mescola ad altri sistemi come l’imprenditoria e la politica locale”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari