GIORNALISTI: CONTRATTO; ORE CRUCIALI, CDR CORSERA DICE NO

GIORNALISTI: CONTRATTO; ORE CRUCIALI, CDR CORSERA DICE NO
IN CORSO CONFRONTO FORSE DECISIVO TRA FIEG E FNSI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 25 MAR – La redazione del Corriere della Sera esprime “la propria contrarietà  all’ipotesi di accordo fra Fieg e Fnsi sul rinnovo del contratto nazionale di lavoro giornalistico, accordo che – afferma una nota – appare assolutamente dannoso per l’intera categoria dei giornalisti italiani, senza distinzione”. La valutazione arriva nelle ore del confronto tra le parti che potrebbe essere decisivo e portare a una firma dell’ipotesi di intesa nelle prossime ore. “A questa valutazione negativa – sottolinea la nota diffusa dal comitato di redazione del Corriere – si aggiunge l’incredulità  per il fatto che fino all’ultimo il testo definitivo sia stato secretato, né comunicato né diffuso. Per quanto riguarda la parte normativa, essa smantella tutele e diritti storici che i redattori del Corriere della Sera hanno ripetutamente chiesto alla Fnsi di salvaguardare, mentre invece sono state introdotte novità  pesantissime in particolare e fra l’altro in materia di organizzazione del lavoro, flessibilità  e mobilità “. Quanto alla parte economica, “ne risulta addirittura un’erosione della busta paga soprattutto considerando le modifiche al regime degli scatti di anzianità , con conseguenze devastanti sul livello degli stipendi e anche sulle future pensioni”. La redazione del Corsera ribadisce infine “il suo no all’ipotesi di intesa e considera in ogni caso indispensabile che il referendum annunciato dal segretario abbia valore vincolante, come doveroso in una reale democrazia anche sindacale”

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari