RAI: MERLO, ROMANI VUOLE RIFORMA O LAVORA PER NON CAMBIARE NULLA?

RAI: MERLO, ROMANI VUOLE RIFORMA O LAVORA PER NON CAMBIARE NULLA?
(ASCA) – Roma, 26 mar – ”Per salvaguardare un vero servizio pubblico e rilanciare il ruolo della Rai nel panorama multimediale del nostro paese occorre anche, e soprattutto, cambiare le regole che attualmente disciplinano e governano l’azienda, cancellando la cosiddetta legge Gasparri. Sarei curioso di sapere se il sottosegretario alle Comuncazioni, Paolo Romani e’ d’accordo o no”. Cosi’, in una nota, Giorgio Merlo (Pd), vicepresidente commissione Vigilanza Rai. Per Merlo ”e’ perfettamente inutile blaterare di servizio pubblico e di maggior qualita’ nel servizio pubblico e poi, di fatto, ostacolare ogni sorta di riforma. La Rai, se non vuole cedere quote sempre maggiori di pubblico a Sky o ad altre emittenti, deve mettere mano ad una riforma radicale della sua governance. E’ semplicemente ridicolo che ci sia un direttore generale che non puo’ decidere nulla se non con l’avallo di un cda nominato dai partiti. Il Pd ha gia’ depositato un progetto di riforma al riguardo. Perche’ il sottosegretario Romani non risponde alla domanda e quindi, di conseguenza, ostacola ogni riforma? Vuole il rilancio della Rai o lavora per la crisi della Rai?”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi