Editoria

27 marzo 2009 | 11:28

Ilreporter.com vince Travel Blogger Awards 2009 di Lonely Planet

Ilreporter.com vince Travel Blogger Awards 2009 di Lonely Planet

Al quotidiano on line il premio miglior sito viaggi in italiano

Roma, 27 mar. (Apcom) – Il quotidiano on line il reporter – raccontare oltre il confine si è aggiudicato il prestigioso concorso internazionale indetto da Lonely Planet: il Travel Blogger Awards – Best Italian Language Blog. Il voto degli internauti e quello di una giuria qualificata lo hanno decretato il miglior sito di viaggi in lingua italiana. I risultati sono stati annunciati la scorsa notte a San Francisco.

Ilreporter.com, ha prevalso con 10 punti sul sito piedistanchi.com (7 Punti) e su lafilibusta.blogspot.com, classificatosi al terzo posto con 5 punti.
Nato il 4 giugno del 2007 da un’idea dello scrittore e giornalista Andrea Lessona, il sito ha raccolto nel tempo i contributi volontari di molte personalità  di spicco tra cui l’antropologo Marco Aime, Silvia Calamati, scrittrice e giornalista di Rainews 24, di Anna Maspero, scrittrice e viaggiatrice e Max De Martino, fotoreporter.

Firme note e meno note – si legge in un comunicato – si sono alternate nelle pagini digitali de il reporter per cercare di raccontare con i loro liberi contributi il mondo nelle sue sfaccettature più vere e umane, non dimenticando mai gli aspetti storici, geografici, culturali.

Il progetto ha trovato la sua giusta consacrazione, diventando una testata registrata grazie alla partnership con Blue Studio Srl, nota Web agency vercellese. La volontà  di Federico Ranghino, amministratore unico della società , ha permesso al sito un salto di qualità  notevole.

In poco meno di due anni il reporter ha pubblicato oltre duemila servizi, raccontando più di cento paesi con l’ambizione di incontrare e conoscere culture diverse nel nome del rispetto e della differenza. Perché, come scrive Marcel Proust: “Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi”.

Comments are closed.