TLC

27 marzo 2009 | 13:38

Tlc: Scajola, sviluppare rete unica con consenso di tutti

Tlc: Scajola, sviluppare rete unica con consenso di tutti

ROMA (MF-DJ)–”Il Paese non puo’ pensare di avere tante infrastrutture telematiche. Dobbiamo trovare, con la concordia di tutti, una soluzione che consenta di ammodernare il Paese e sviluppare la banda larga con il contributo di tutti gli operatori”.

Cosi’, a margine dell’incontro con il ministro russo Viktor Khristenko, il ministro per lo Sviluppo Economico, Claudio Scajola, riferisce i contenuti dell’incontro di ieri con Francesco Caio, consulente del Governo per lo sviluppo della banda larga.

“C’e’ un popolo di 20 milioni di persone che ha confidenza con Internet, ma il resto non ce l’ha. Per alcuni, quindi – ha proseguito – e’ difficile comprendere l’importanza delle infrastrutture immateriali e il fatto che l’investimento nella banda larga rende piu’ moderno il Paese”.

Secondo Scajola, “dobbiamo migliorare la rete che c’e’ e dare un servizio con una potenza decente a chi non ce l’ha”. Per fare questo, “non si puo’ pensare di agire solo con lo strumento delle risorse pubbliche ma ci serve anche il coinvolgimento di tutti i privati del settore”. Il ministro ha sottolineato “la funzione anticiclica degli investimenti in banda larga”, perche’ “significa fare lavori subito cantierabili per far passare la fibra”.

Comments are closed.