GIORNALISTI: CONTRATTO; CDR MESSAGGERO, E’ IPOTESI DI RESA

GIORNALISTI: CONTRATTO; CDR MESSAGGERO, E’ IPOTESI DI RESA
ROMA
(ANSA) – ROMA, 27 MAR – Il Comitato di redazione del Messaggero esprime in un documento la sua “più assoluta contrarietà  ai contenuti dell’ipotesi d’accordo raggiunta questa notte tra la Fnsi e Fieg. Se approvato dal referendum della categoria, questo sarà  un contratto di resa, che consegna il destino dei giornalisti nelle mani degli editori”. Tra i punti contestati: “l’istituto del distacco”, così come la “modifica dell’articolo 33, fino ad oggi ripetutamente negata dal segretario Siddi, che autorizza gli editori di aziende che abbiano uno stato di crisi (peraltro assai facile da ottenere) a mandare a casa i giornalisti con 35 anni di contributi e 59 d’età “. Contestato anche il meccanismo di computo degli scatti di anzianità . Per il Cdr del Messaggero “dopo quattro anni di attesa, 18 giorni di sciopero e una trattativa tutt’altro che trasparente, i conti non tornano e a pagare sarà  anche l’opinione pubblica, perché con giornalisti tuttofare, preferibilmente rintanati nei loro uffici a convertire freneticamente su diverse piattaforme le notizie che giungono da fonti esterne, ne soffrirà  la qualità  dell’informazione”. Per questo il Cdr del quotidiano invita tutti gli altri organismi ad analizzare con attenzione il testo dell’ipotesi, e a organizzare una risposta adeguata fin dalla prossima Conferenza nazionale dei Cdr il 3 aprile.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari