TV: RICCI “NUOVI SCENARI CON DTT CHE RIVOLUZIONERA’ AUDITEL”

TV: RICCI “NUOVI SCENARI CON DTT CHE RIVOLUZIONERA’ AUDITEL”

MILANO (ITALPRESS) – “Tra un po’ la tv cambiera’ completamente e nessuno di noi e’ in grado oggi di valutare quanto e come”. La previsione e’ di Antonio Ricci, autore televisivo e vero precursore di un certo modo di fare tv sin dai tempi di Drive In. A solleticare le riflessioni di Ricci, durante la conferenza stampa del passaggio di consegne sul banco di ‘Striscia la Notizia’, e’ stata una domanda sulla trasformazione in ‘chiave generalista’ di Sky. “Tra gli scenari immaginabili – spiega Ricci – c’e’ che la nuova piattaforma (digitale terrestre, ndr) che atomizzera’ gli ascolti sballera’ il sistema Auditel che funziona sui grandi numeri. In quel momento sara’ difficile capire le tendenze. E’ un problema che abbiamo gia’ avuto quando parti’ la piattaforma Sky e non venivano riaccreditati gli ascolti di chi ci guardava sul satellite”. Tendenze che, riflette Ricci precisando di atteggiarsi ‘mago’, “di cui potrebbe non parlarsi piu’ se dopo la curiosita’ iniziale si ritornasse a guardare gli stessi soliti canali che riusciranno a strutturarsi meglio e a dare una visione piu’ generalista”.
Naturalmente, continua Ricci, “si apre un mercato vastissimo che va verso l’atomizzazione ma nell’attesa che il sistema decolli, tutti tengono un piede nella tv generalista (il riferimento e’ alla nascita del canale Sky Uno, ndr)”. Sotto il profilo strettamente personale “tutti i canali avranno bisogno di contenuti e io che ne sono un creatore vedo questo moltiplicarsi come un’opportunita’ – conclude -. La domanda che mi faccio e’ se noi italiani saremo in grado di crearli o ci faremo sommergere dai telefilm americani”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi