Editoria

07 aprile 2009 | 11:47

USA-TURCHIA: OBAMA APRE A ISLAM,STAMPA ARABA REAGISCE TIMIDA

USA-TURCHIA: OBAMA APRE A ISLAM,STAMPA ARABA REAGISCE TIMIDA
BEIRUT
(ANSA) – BEIRUT, 7 APR – La stampa araba ha stamani reagito in ordine sparso alle dichiarazioni rilasciate a Istanbul dal presidente Usa Barack Obama, ma tutti i giornali hanno comunque sottolineato positivamente le aperture verso il mondo arabo-islamico dell’inquilino della Casa Bianca. Per il libanese an Nahar, il vertice turco-americano di ieri ha costituito un “passo essenziale verso il processo di riorganizzazione delle relazioni tra Islam e Occidente”, mentre l’altro quotidiano di Beirut, as Safir, ha sottolineato il fatto che Obama ha espresso le sue aperture dalla Turchia e non da un Paese arabo. “La Turchia dell’Islam, della modernità  e della democrazia é il pulpito migliore per parlare ai musulmani, e tra questi agli arabi, che hanno perso il prestigio di cui godevano un tempo”, ha scritto as Safir nel suo editoriale. I quotidiani governativi siriani hanno dal canto loro ignorato le aperture all’Islam da parte di Obama, concentrandosi invece sull’impegno assunto dal presidente Usa nei confronti del processo di pace israelo-arabo e a favore della nascita di uno Stato palestinese indipendente. I due principali giornali panarabi, di proprietà  saudita ma editi a Londra, al Hayat e al Sharq al Awsat, si sono limitati a riportare le affermazioni di Obama nei titoli di prima pagina, così come hanno fatto gli altri quotidiani del Golfo. (ANSA).

Comments are closed.