Editoria

10 aprile 2009 | 13:23

EDITORIA: L’EQUIPE N. 20.000, KOPA E MERCKX CAPIREDATTORI

EDITORIA: L’EQUIPE N. 20.000, KOPA E MERCKX CAPIREDATTORI
ARTICOLI ANCHE DI KILLY E PROST,CIASCUNO RIEVOCA EVENTO SPORTIVO
PARIGI
(ANSA) – PARIGI, 10 APR – Per l’edizione numero 20.000 il quotidiano sportivo francese L’Equipe ha affidato oggi la guida della redazione a diciotto campioni dello sport transalpino di ieri e di oggi, come Raymond Kopa e Bixente Lizarazu (calcio), Eddy Mercx (ciclismo), Alain Prost (Formula Uno) e Nikola Karabatic, campione olimpico e mondiale con la Nazionale di pallamano. “Dal 1946, L’Equipe racconta lo sport in modo colorato,con rigore, e talvolta con durezza” – scrive nelll’editoriale in prima pagina Jean-Claude Killy, tre medaglie d’oro in slalom, discesa libera e gigante alle Olimpiadi Invernali di Grenoble nel 1968, oggi membro del Comitato Olimpico Internazionale. I ruoli si sono così invertiti, con i campioni a dettare la linea ai giornalisti, in una conferenza di redazione particolarmente agitata. Ciascuno di loro ha scritto un editoriale, in cui evoca un evento sportivo della storia recente. Raymond Kopa ricorda la vittoria 6-3 dell’Ungheria di Puksas contro l’Inghilterra a Wembley nel 1953, l’ex rugbysta Serge Blanco il 4-3 tra Italia e Germania ai Mondiali di calcio di Messico ’70, o ancora il canoista portabandiera della Francia a Pechino 2008 Tony Estanguet torna sui 100 metri di Carl Lewis ai Giochi di Seul nell”88. Uno speciale di sei pagine è dedicato a una conversazione tra Jean-Claude Killy et l’architetto Jean Nouvel, sull’evoluzione storica del rapporto tra gli spettatori e gli stadi, e sullo stadio del futuro: deve essere “ecologico, multifunzionale, parte integrante della città  e della vita cittadina”.

Comments are closed.