INTERNET: AMAZON RINUNCIA A SISTEMA DI ADVERTISING ANTI-PRIVACY

INTERNET: AMAZON RINUNCIA A SISTEMA DI ADVERTISING ANTI-PRIVACY
(ASCA) – Roma, 15 apr – Amazon rinuncera’ al contestato sistema di advertising pubblicitario Phorm, che ”fruga” nelle pagine visitate piu’ spesso dagli utenti per proporre loro ”spot” mirati. Lo ha annunciato la stessa compagnia in un comunicato, dopo che la polemica iniziata il mese scorso ha avuto ieri uno strascico in sede di Commissione europea. La Ue ha infatti annunciato un’azione legale contro la britannica BT per aver sviluppato questa tecnologia con il nome di Webwise. Il programma Phorm, che e’ in grado di scansionare tutte le pagine visitate e le parole chiave inserite nelle ricerche degli utenti, viene utilizzato anche da Microsoft, Google/Youtube, Facebook, AOL/Bebo, Yahoo ed Ebay. Il caso era stato sollevato dall’Open Rights Group, associazione che si occupa di diritti della privacy nel mondo digitale, che aveva inviato una lettera a tutti i responsabili della privacy delle diverse compagnie per chiedere di rinunciare al Phorm. Amazon e’ stata la prima compagnia a rispondere positivamente all’invito.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti