INTERNET:AMAZON CENSURA LIBRI GAY; SITI, NON CREDO COMPLOTTO

INTERNET:AMAZON CENSURA LIBRI GAY; SITI, NON CREDO COMPLOTTO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 15 APR – “Francamente credo sia un incidente, sono contrario alle teorie complottiste”, così lo scrittore Walter Siti che ha narrato storie intense e sentimenti omosessuali, oltre ad essere stato curatore delle opere complete di Pasolini, commenta la protesta sul web contro Amazon. Il più famoso libraio on line (e non solo) è finito nella bufera con l’accusa di aver censurato sui suoi scaffali virtuali libri della letteratura gay. Dopo la protesta degli utenti e su social network come Facebook e Twitter, da Seattle, sede operativa di Amazon, sono arrivate le scuse e da ieri pomeriggio romanzi e saggi di autori gay e lesbiche sono di nuovo rintracciabili. “La gente si mette in allarme subito – aggiunge Siti che da oggi è in libreria con Il canto del diavolo (Rizzoli) – è un po’ una superinterpretazione. E poi Amazon che interesse avrebbe a fare una cosa del genere?” si chiede lo scrittore che poi precisa: “Io queste cose non le seguo tanto, i libri me li vado a comprare in libreria”.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti