CINEMA: LA “PIRATERIA” METTE A RISCHIO 250MILA POSTI DI LAVORO

CINEMA: LA “PIRATERIA” METTE A RISCHIO 250MILA POSTI DI LAVORO
(AGI) – Roma, 16 apr. – Duecentocinquantamila posti di lavoro a rischio, 537 milioni di euro di danni nel settore del cinema, un giro d’affari illegale da 332 milioni di euro, 354,8 milioni di film contraffatti. Questi i numeri del fenomeno della pirateria cinematografica in Italia, resi noti oggi alla Casa del cinema di Roma dove se n’e’ parlato con registi (Giuseppe Tornatore, Paolo Virzi’, Enrico Vanzina e Leonardo Pieraccioni), politici (il sottosegretario Paolo Romani) e addetti ai lavori durante la presentazione della prima ricerca sulla pirateria cinematografica in Italia organizzato dalla Fapav (Federazione anti-pirateria audiovisiva). Dai dati della ricerca realizzata dalla Ipsos su 2038 adulti over 15 anni emerge che la ‘pirateria’ fisica incide per il 17%, alimentata soprattutto dall’acquisto di dvd contraffatti. La pirateria digitale (film scaricati dal web rappresentano) ha coinvolto il 21% degli intervistati. Un altro dato appare significativo: il 24% del campione ammette di aver visto film piratati. Secondo gli esperti la vendita di dischi ‘falsi’ da parte di vucumpra’ e’ destinata a scomparire in breve tempo, mentre crescera’ la pratica di scaricare o condividere su internet film piratati. Su quest’ultimo punto, dalla ricerca emerge che in Italia non c’e’ la percezione del reato di ‘download’ illegale. E proprio su questo punto governo ed esperti hanno intenzione di operare. “L’ampliamento della banda larga – spiega il sottosegretario Romani – e’ un processo irreversibile e, passando come speriamo dal 18% di oggi al 35-36% di copertura, si rischia di far salire in maniera vertiginosa la percentuale di download illegali. Per contrastare questo fenomeno pensiamo ad un’azione di educazione nelle scuole e di ‘warning’, avvisi di reato per chi scarica da internet”. La proposta di Romani non trova d’accordo il regista Paolo Virzi’ che non crede nelle possibilita’ di fermare il fenomeno on-line: “Bloccare il download e’ come tentare di fermare il vento – spiega il regista -. A mio giudizio invece bisogna puntare il dito contro coloro che fanno grandi affari con questo sistema, ossia contro i grandi provider come Telecom, Infostrada o Fastweb”. Ma il regista livornese non si limita ad accusare le grandi compagnie e avanza una proposta che trova d’accordo anche il collega Enrico Vanzina e il produttore Riccardo Tozzi (Cattleya): i grandi distributori come Medusa, Rai Cinema o Lucisano devono diffondere on-line i film dell’anno precedente arricchiti di contenuti speciali, ricchi di curiosita’ e in versione perfetta a prezzo bassissimo, nell’ordine di 50 centesimi-un euro. “In questo modo sara’ da sfigati scaricare illegalmente – spiega Virzi’ -. Forse cosi’ riusciremo a battere la pirateria perche’ non credo che la prima visione si possa proteggere solo con gli sceriffi”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo