SPAGNA: TV ANTENNA 3 APRE A FUSIONE IN FASE CRITICA SETTORE

SPAGNA: TV ANTENNA 3 APRE A FUSIONE IN FASE CRITICA SETTORE
MADRID
(ANSA) – MADRID, 16 APR – Il consigliere delegato di Antena 3 – la tv privata di proprietà  dell’italiana DeAgostini e della spagnola Planeta – Silvio Gonzalez ha annunciato che la società  é aperta a una possibile fusione, in un momento molto movimentato del settore televisivo iberico dopo la decisione di ridurre la pubblicità  sulle tv pubbliche annunciata dal governo Zapatero e quella di aprire canali a pagamento nel digitale terrestre: lo riferisce il quotidiano economico Expansion. “Noi non siamo chiusi a relazioni, ma dobbiamo analizzare tutte le opzioni che si aprono” ha detto Gonzalez, precisando che “la decisione finale si prenderà  se si crea valore”. Sia Antena 3 che Telecinco, controllata da Mediaset, hanno aumentato il loro valore in borsa rispettivamente del 57% e del 49% dallo scorso 20 febbraio, quando il governo Zapatero ha approvato un decreto legge anti-crisi che consente le fusioni fra le imprese del settore colpite dal forte calo delle entrate pubblicitarie, che interessa tutti i media. Una ipotesi che anche altre Tv private come La Sexta e Telecinco hanno detto di esaminare. L’annuncio, martedì, da parte di José Luis Zapatero, di una “drastica riduzione” – senza per ora ulteriori dettagli – della pubblicità  sulla Tv pubblica è stata accolta con soddisfazione dalle emittenti private. L’associazione delle Tv private ha subito invitato il governo ad abolire già  quest’anno la pubblicita in ‘prime time’ sulle tv pubbliche Tve1 e Tve2 e completamente dall’anno prossimo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi