Editoria

21 aprile 2009 | 16:49

RADIOTV LOCALI: FNSI E AERANTI-CORALLO SU PLURALISMO VOCI

RADIOTV LOCALI: FNSI E AERANTI-CORALLO SU PLURALISMO VOCI
(AGI) – Roma, 21 apr. – Le radio e le televisioni locali che operano sul territorio rappresentano “una concreta garanzia della liberta’ d’informazione e contribuiscono ad assicurare quel pluralismo di voci che oggi e’ piu’ che mai necessario, in un Paese come l’Italia troppo spesso ingabbiato dal duopolio Rai-Mediaset. Un duopolio che, con l’arrivo della piattaforma satellitare a pagamento di Sky, si e’ solo adattato ad accogliere un terzo soggetto senza che lo scenario cambiasse. Anzi, in molti casi la situazione e’ peggiorata discapito dell’informazione locale”. Lo sostiene la Fnsi, presentando l’iniziativa in programma domani con l’associazione Aeranti-Corallo, che raggruppa l’emittenza radiotelevisiva locale. Tre sono le questioni, dice il sindacato nazionale dei giornalisti: una ridistribuzione delle risorse pubblicitarie; una nuova regolamentazione delle provvidenze pubbliche; i problemi innescati dal digitale terrestre. “E’ a rischio dunque – dice la Fnsi – un aspetto importante del debole pluralismo italiano, ed e’ a rischio un settore industriale che garantisce molte migliaia di posti di lavoro e che da’ occupazione, con un contratto a tempo indeterminato, ad oltre duemila giornalisti in tutta Italia”. Proprio su queste questioni, “e per richiamare l’attenzione delle istituzioni e della politica su questi problemi”, Aeranti-Corallo e Fnsi organizzano un incontro-dibattito nella Sala Capranichetta (piazza Montecitorio) con la presenza del sottosegretario alle Comunicazioni, Paolo Romani, del presidente e del segretario generale della Fnsi, Roberto Natale e Franco Siddi, e di Marco Rossignoli e Luigi Bardelli per l’Aeranti-Corallo.

Comments are closed.