Televisione

22 aprile 2009 | 12:56

RAI: BUTTI, NO A CELENTANO COME BENIGNI SU DIRITTI VIDEO

RAI: BUTTI, NO A CELENTANO COME BENIGNI SU DIRITTI VIDEO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 22 APR – “Il rischio che paventavo da tempo si sta materializzando: dopo il grande regalo fatto dalla Rai a Benigni ecco che un’altra star nostrana avanza pretese non condivisibili. Come si apprende oggi, dopo l’accordo strappato dal comico toscano per lo sfruttamento di materiale video di proprietà  della Rai, anche Adriano Celentano chiederebbe lo stesso trattamento”. A sottolinearlo è il capogruppo Pdl in Commissione di Vigilanza Rai Alessio Butti. “Il precedente di Benigni rischia di diventare devastante per le casse del servizio pubblico, per il patrimonio delle Teche Rai e per il cittadino che finanzia l’azienda con il canone. Siamo di fronte – prosegue il senatore – al secondo caso in pochi mesi di richiesta alla Rai di cessione di diritti Tv che costituiscono un patrimonio storico-culturale unico e collettivo”. “Rispondendo alla mia interrogazione durante un question time in Senato, il sottosegretario Romani ha affermato che sulla ‘questione Benigni’ si sarebbe al più presto avviata un’indagine interna alla Rai, ma al momento ancora tutto tace. Quali decisioni ha assunto il vertice Rai? Quali sono i criteri che s’intende adottare anche in futuro evitando il più possibile di usare due pesi e due misure? E’ vergognoso – conclude il senatore Butti – che la Rai, anche alla luce dell’attuale congiuntura economica, sprechi denaro pubblico per appesantire ulteriormente le tasche già  piene dei soliti noti. Chiederemo al più presto chiarimenti in Vigilanza per capire la vicenda Celentano e la gestione futura delle Teche. E’ il momento di stabilire un criterio fermo sulla base del quale regolamentare la cessione di diritti Tv, che sono parte del patrimonio culturale del Paese”.(ANSA).

Comments are closed.