RAI: GARIMBERTI, NELL’INNOVAZIONE LA RISPOSTA ALLA CRISI

RAI: GARIMBERTI, NELL’INNOVAZIONE LA RISPOSTA ALLA CRISI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 28 APR – Mantenere un ruolo da protagonista nell’innovazione tecnologica è “un compito precipuo per il servizio pubblico” e insieme una risposta alla crisi economica internazionale che sta investendo anche la tv: ne è convinto il presidente della Rai, Paolo Garimberti, intervenuto oggi a Viale Mazzini alla prima Giornata dell’innovazione tecnologica. Un’iniziativa nata per evidenziare il ruolo fattivo della tv pubblica sul fronte dell’innovazione sul mercato sia nazionale che internazionale, e insieme un’occasione per festeggiare gli 80 anni del Centro ricerche Rai di Torino. “Fa parte del core-business del servizio pubblico – ha sottolineato Garimberti – favorire l’innovazione e la sua diffusione capillare verso i cittadini”. L’innovazione “può essere infatti un nuovo fattore di unificazione nazionale – ha aggiunto – e contribuire a ridurre le secche di depressione culturale e intellettuale”. Raccogliere le sfide dell’innovazione “ha un’importanza molto alta in questo momento di grave crisi, innanzitutto perché può contribuire – ha detto ancora Garimberti – ad un’informazione globalizzata e responsabile. E’ un impegno che sia io sia il direttore generale Masi siamo pronti a portare avanti con entusiasmo, pur nella consapevolezza delle criticità  che dobbiamo affrontare”. Ai lavori è intervenuto brevemente anche Masi, che ha letto un messaggio di saluto del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta, assente perché impegnato ad accompagnare il Papa nella visita nelle zone terremotate dell’Abruzzo. “L’innovazione – ha scritto Letta – è il futuro del Paese, la nuova frontiera su cui si giocherà  non solo l’avvenire della Rai, ma anche quello dell’Italia”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi