EDITORIA: CLASS ACTION BOOK GOOGLE, ADESIONI ENTRO 4/9

EDITORIA: CLASS ACTION BOOK GOOGLE, ADESIONI ENTRO 4/9
AIE, ANCHE EDITORI ITALIANI DOVRANNO DECIDERE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 29 APR – La corte federale di New York ha posticipato al 4 settembre il termine entro il quale editori ed autori anche italiani dovranno scegliere se aderire alla class action in corso in America tra autori ed editori americani e Google per il Book Search, il servizio di digitalizzazione di opere letterarie (oltre 7 milioni di volumi) realizzato da Google in collaborazione con una serie di biblioteche americane. Lo rende noto l’associazione italiana editori (Aie), precisando che tra i libri già  digitalizzati da Google, perché disponibili nelle biblioteche americane, ce ne sono centinaia di migliaia italiani. “Agli editori italiani ed europei è stata lasciata libertà  di adesione all’accordo – spiega il presidente Aie Federico Motta – Ruolo di Aie e Federazione degli Editori Europei (Fee-Fep) è ora quello di fornire più informazioni possibili su cosa comporterà  questo e sui possibili rischi di mercato che ne possono derivare. I termini vengono dilatati. La data del 5 maggio rimane invece fissa come limite temporale per i programmi di digitalizzazione di Google non autorizzati dagli aventi diritto”. L’accordo – siglato a conclusione della vertenza giudiziaria nata nel 2004 – è stato presentato alla Corte del Distretto di New York (prima udienza in programma il 7 ottobre) e consente la digitalizzazione delle opere e il loro uso per determinati servizi sviluppati da Google: fra questi, la concessione di accessi all’intero data base delle opere da parte di biblioteche e centri di ricerca, messa a disposizione delle singole opere agli utenti, realizzazione di course-pack da parte di scuole e università  e pubblicazioni on-line di frammenti delle opere. “I servizi sono limitati ad utilizzi nell’ambito del territorio statunitense, ma interessano anche gli editori stranieri, compresi quelli italiani, le cui opere siano state comunque digitalizzate da Google”, sottolinea Piero Attanasio dell’Aie, coordinatore del gruppo di lavoro tecnico nei rapporti tra Google, il Book Right Registry e gli editori europei, che si è riunito per la prima volta ieri a Milano.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari