Protagonisti del mese, Scelte del mese

04 maggio 2009 | 9:57

Televisione ““ Rai. Perché è stato scelto Garimberti alla presidenza

Per capire i motivi per cui alla fine è stato scelto Paolo Garimberti come presidente della Rai bisogna fare un salto nei quartieri alti della politica, dove nulla viene deciso mai a caso quando c’è di mezzo la tivù di Stato e, in più, ci sono anche in vista ridondanti elezioni come quelle che si svolgeranno nel prossimo giugno. Già , ma perché tirar dentro questa volta proprio un giornalista di Repubblica e come mai per questa scelta gli uomini del Cavaliere non hanno avuto difficoltà  a trovare l’accordo con Dario Franceschini? Eccolo spiegato il piccolo arcano. Perché se l’uomo di Arcore intende usare le tivù che contano, Rai e Mediaset ormai nella stessa boà®te, per togliere visibilità  ai Casini, ai residuati della sinistra radicale e ai Di Pietro, anche il nuovo astro nascente del Pd, da tempo addestrato alla scuola lottizzatrice di casa democristiana, punta, sia pur operando dalla sponda opposta, a tagliare le unghie soprattutto a questo ex pm giustizialista (su Antonio Di Pietro vedi anche   il servizio a pagina 80) che, a furia di dar nerbate di qua e di là , rischia di portargli via persino i voti della Fiom. Che poi, guardando un po’ più in là , è ancora il disegno, nato con il veltronismo, di arrivare a creare un sistema politico – Berlusca da una parte, Pd dall’altra – in cui due soli partiti possano finalmente fare la parte del leone.

La versione integrale dell’articolo è sul mensile Prima Comunicazione n. 394 – aprile 2009

Comments are closed.