RAI: ERA GLACIALE; VAURO, VICENDA GROTTESCA

RAI: ERA GLACIALE; VAURO, VICENDA GROTTESCA
ROMA
(ANSA) – ROMA, 9 MAG – “Una vicenda grottesca non solo per me ma anche per il telespettatore”: così l’autore satirico Vauro Senesi commenta quanto accaduto ieri durante il programma L’Era Glaciale (in onda su Raidue in seconda serata) condotto da Daria Bignardi. Vauro era stato invitato insieme a Beatrice Borromeo per presentare il libro scritto insieme a Marco Travaglio dal titolo Italia annozero. L’intervista si è svolta regolarmente ma poi è stata cancellata per motivi di par condicio, come ha spiegato il direttore di Raidue, Antonio Marano. Vauro si è detto sorpreso e ha offerto la sua versione dei fatti. “Ieri sera – io e Beatrice – siamo usciti dallo studio dove si registra L’Era Glaciale e abbiamo incontrato Marano piuttosto adirato con Beatrice per i riferimenti sulle pressioni che ci sono ad Annozero. La mia impressione è che questo è un fatto assolutamente notorio. Dopo mi sono messo a guardare la televisione per vedere la puntata. In apertura la Bignardi ha annunciato la nostra presenza, che poi però non c’é più stata. E durante tutto il programma sono stati lasciati i riferimenti a un ‘comunista in trasmissione’. Una cosa davvero grottesca”. “L’intervista – prosegue Vauro – sarebbe stata cancellata a causa delle mie affermazioni non favorevoli a Berlusconi. Io posso essere tutto tranne che favorevole a Berlusconi. E non è certo una novità . In più ci siamo limitati a rispondere alle domande che ci sono state rivolte e che ruotavano intorno all’esperienza di Annozero. Francamente non ho capito perché ci hanno invitato. Non ho chiesto io di andare. Lo giuro sul Capitale di Marx…”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi