Franco Siddi: riforma radicale dell’Ordine

Un consiglio nazionale di sole 12 persone affiancato da un giurì per la tutela della privacy; consigli regionali di sole 5 persone. Franco Siddi, segretario della Fnsi, il sindacato dei giornalisti, intende spingere per una riforma dell’Ordine professionale della categoria ancora più radicale di quella proposta dal Consiglio nazionale nel documento di indirizzo approvato a Positano il 16 e 17 ottobre scorsi, sul quale si basa una proposta di legge bipartisan firmata dai parlamentari Pisicchio, Zampa, Pionati, Mazzucca, Merlo, Giulietti, Rao, Salvini e Lehner.
“Sarebbe già  un passo avanti”, dice Siddi, “ma si può fare di meglio”. Fra le proposte di Siddi, la semplificazione della procedura disciplinare, l’esercizio del voto e la partecipazione agli organi dell’Ordine solo per chi non ha smesso di svolgere l’attività  professionale; l’abolizione dell’iscrizione a vita all’Ordine dei pubblicisti oggi automatica dopo un certo numero di anni. Intoccabile, per Siddi, solo l’articolo 2 della legge istitutiva dell’Ordine che regola autonomia professionale e rispetto delle fonti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Federico Vincenzoni amministratore delegato di Tuttosport

Xavier Jacobelli alla direzione di Tuttosport

Snam, nuova brand identity per un futuro di sfide nei mercati globali dell’energia