EDITORIA: CGIE CHIEDE TAVOLO PER LA STAMPA ITALIANA ALL’ESTERO A P.CHIGI

EDITORIA: CGIE CHIEDE TAVOLO PER LA STAMPA ITALIANA ALL’ESTERO A P.CHIGI
(ASCA) – Roma, 14 mag – Un tavolo tecnico per la riconsiderazione del regolamento dei contributi per la stampa italiana all’estero presso il Dipartimento Informazione ed Editoria della Presidenza: questa la richiesta formulata dalla Commissione informazione del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero in un incontro con il nuovo Capo del Dipartimento Informazione ed Editoria della Presidenza del Consiglio, Elisa Grande, cui ha preso parte il Direttore generale per gli italiani nel mondo del Ministero degli Esteri, Carla Zuppetti. Nel corso dell’audizione e’ stata rilevata l’esigenza di migliorare e velocizzare la spesa di settore, pur in presenza della limitatezza delle risorse (2 mln di Euro) invariate da otto anni. La Commissione del Cgie, presieduta da Franco Siddi, ha chiesto che l’organismo sia uno degli interlocutori degli Stati Generali dell’Editoria, finalizzati alla riforma di tutta la legislazione del settore, annunciati per la fine dell’anno dal Sottosegretario Bonaiuti. Ad avviso, del Capo Dipartimento Editoria, la riforma non puo’ prescindere dalla stampa italiana all’estero per la sua funzione identitaria e culturale, e di promozione della lingua italiana nel mondo. La dr.ssa Grande ha anche registrato le istanze per un nuovo rapporto della Rai con le comunita’ degli italiani nel mondo, soprattutto in riferimento ai programmi dell’informazione di ritorno, impegnandosi a sottoporle al Sottosegretario per l’Editoria, Bonaiuti, anche in vista del rinnovo della convenzione tra Presidenza del Consiglio e Rai International.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari