VODAFONE: ECONOMIST, GLI AMBIZIOSI PIANI DI COLAO

ECO:VODAFONE
2009-05-14 19:01
VODAFONE: ECONOMIST, GLI AMBIZIOSI PIANI DI COLAO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 14 MAG – Vittorio Colao ha un piano ambizioso per migliorare la performance di Vodafone. E per salvare l’industria dei media. Così si apre l’articolo che l’Economist dedica all’amministratore delegato del colosso britannico della telefonia mobile, con particolare attenzione al suo progetto annunciato lo scorso 12 maggio: la creazione di una piattaforma unica comune, attraverso la quale le società  di software e i fornitori di contenuti possono vendere direttamente i propri prodotti agli utenti di telefonia mobile. Scrive l’Economist: “se è un successo – e c’é da ammetterlo, è un grosso ‘se’ – questo piano servirà  a risolvere due dei punti critici spesso sottolineati a Vodafone: una dimensione troppo grande e un futuro di ‘tubi vuoti’ a cui sembrano essere destinati gli operatori, semplici trasportatori di dati da e verso i cellulari”. Il successo dell’iniziativa, sottolinea il settimanale, “non é assolutamente garantito, ma Colao è noto per non arrendersi facilmente”. E se il suo piano “decolla – prosegue l’articolo citando lo stesso Colao – potrebbe salvare il mercato dei media, che lui dice essere ancora il suo ‘secondo amore’. Lo schema di Vodafone darebbe agli editori una strada per ottenere micropagamenti dai contenuti e aggiustare ‘il grande errore che hanno fatto con Internet: consegnare i contenuti gratuitamente'”. Saranno d’accordo l’industria e i consumatori? Si chiede l’Economist. (ANSA).
BAC/ S0A R64 QBXC

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci