TV: MERLO, DA DATI AGCOM EVIDENTE LO SQUILIBRIO NELL’INFORMAZIONE

TV: MERLO, DA DATI AGCOM EVIDENTE LO SQUILIBRIO NELL’INFORMAZIONE
(ASCA) – Roma, 15 mag – ”I dati recenti dell’Agcom relativi alle presenze dei politici in Tv ci dice una cosa sola: o crediamo che l’Autorita’ di garanzia abbia ancora un ruolo nel nostro paese, oppure prendiamo atto che di fronte al ”pensiero unico” tutto cio’ che viene catalogato come richiamo al rispetto delle regole e’ irrilevante, secondario e persin ridicolo”. Lo afferma in una nota il vicepresidente della Vigilanza Rai, Giorgio Merlo. ”E’ inutile girare attorno al problema – dice Merlo -: ci troviamo di fronte d uno squilibrio imbarazzante, a vantaggio di Berlusconi e della sua maggioranza, su quasi tutte le tv pubbliche e private nel periodo preso come campione. Se non c’e’ un immediato riequilibrio nelle tv, come chiede l’Agcom, dobbiamo prendere amaramente atto, e lo dico senza enfasi, che i principi democratici nel nostro paese vengono lentamente ma inesorabilmente archiviati. A partire proprio dal rispetto del pluralismo e del ruolo dell’opposizione”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi