Tlc: Bernabe’, Italia non affatto indietro su banda larga

20 May 2009 12:19 CEDT Tlc: Bernabe’, Italia non affatto indietro su banda larga

ROMA (MF-DJ)–“L’Italia non e’ affatto indietro sulla banda larga, ne’ per la qualita’ del servizio, ne’ per la copertura”.

Lo ha affermato l’a.d. di Telecom Italia, Franco Bernabe’, rispondendo indirettamente alle conclusioni del rapporto Caio che delineano uno scenario di arretratezza per il Paese. Bernabe’ ha aggiunto che “c’e’ un problema di digital divide che pero’ non e’ insolubile, specie se si mettono insieme risorse pubbliche e private”.

Secondo il manager, “per l’accesso universale serve 1,5 mld nell’arco di 3 anni”, con una quota da destinare all’intervento pubblico.

Per quanto riguarda le reti di nuova generazione a banda larghissima, Bernabe’ ha spiegato che si tratta di un investimento “legato a un impegno pubblico e a una modifica del quadro regolatorio” perche’ “nessuna azienda puo’ fare il passo piu’ lungo della gamba, specie se lo fa al buio. Servono nuove regole incentivanti per gli investimenti degli operatori, serve un grande progetto infrastrutturale che veda insieme imprese, consumatori e istituzioni”. ren/pev

(END) Dow Jones Newswires

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci