TLC

20 maggio 2009 | 16:10

Telecom I.: Caio, scorporo rete? Sarei matto a rispondere

Telecom I.: Caio, scorporo rete? Sarei matto a rispondere

ROMA (MF-DJ)–”Sarei matto a rispondere”. Cosi’ Francesco Caio, consulente del Governo per la banda larga ha risposto nel corso di un convegno del Pd a chi gli chiedeva se lo scorporo della rete di Telecom Italia fosse la soluzione ideale per lo sviluppo dell’infrastruttura.
“Nessun paese ha la ricetta – ha proseguito Caio – la destinazione e’ chiara a tutti ma siccome il punto di partenza in ogni paese e’ diverso, anche il viaggio e’ diverso per tutti”. Secondo Caio bisogna capire “se esiste un ruolo del Governo oppure se il mercato sviluppa infrastrutture funzionali alle esigenze e compatibili con le ambizioni di sviluppo del paese”.
Per il consulente per quanto riguarda il digital divide “il mercato non porta una banda larga minima a tutta la popolazione in tempi brevi” per cui un intervento pubblico va fatto, mentre per l’ammodernamento della rete “non c’e’ oggi un paese in Europa che abbia ancora determinato un piano di investimento pubblico per la nuova rete”.
In comune tra tutti i paesi, ha concluso Caio, “c’e’ l’idea di fare una sola rete e la usano tutti, perche’ parliamo di un monopolio naturale”.

Comments are closed.