Rcs: De Bortoli, inaccettabili linee guida piano ristrutturazione

Rcs: De Bortoli, inaccettabili linee guida piano ristrutturazione

MILANO (MF-DJ)–“La Direzione non ritiene accettabile, cosi’ com’e’ stata formulata nelle sue linee guida, l’ipotesi di piano di ristrutturazione aziendale, soprattutto nella parte in cui si quantifica un sacrificio per la redazione di 90 unita’”.

E’ questo un passaggio della lettera che il direttore del Corriere della Sera, Ferruccio De Bortoli, ha inviato alla redazione del giornale, missiva di cui MF ha potuto prendere visione.

“L’adeguamento dei costi ai ricavi”, prosegue la lettera, “e’, tuttavia, non solo necessario ma indispensabile. Puo’ essere conseguito in modi alternativi che salvaguardino i diritti dei colleghi, la qualita’ e la sostanziale integrita’ dei prodotti del sistema Corriere. In particolare del Magazine, del Corriere Economia e del Corriere Salute, che sono e resteranno indispensabili all’offerta informativa del quotidiano”.

“Una riduzione complessiva ma ragionata e concordata dei costi”, scrive De Bortoli, “deve consentire di avviare, contemporaneamente, innovazioni e progetti di sviluppo editoriale legati anche a una maggiore integrazione multimediale. A questo proposito, la Direzione si propone di svolgere una ricognizione sui risparmi possibili e di avanzare alcune proposte alle parti, nel rispetto dei ruoli e delle liberta’ contrattuali. E chiede all’azienda di astenersi, nel frattempo, dal mettere in atto decisioni unilaterali. E’ possibile in tempi, necessariamente brevi, un accordo che tuteli la centralita’ e la professionalita’ della redazione del Corriere della Sera”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari