TV: MANNONI (AGCOM), MI DIMETTO DA COMITATO ITALIA DIGITALE

TV: MANNONI (AGCOM), MI DIMETTO DA COMITATO ITALIA DIGITALE
IN POLEMICA CON DICHIARAZIONI ROMANI A REPORT
ROMA
(ANSA) – ROMA, 25 MAG – Il commissario dell’Autorità  per le garanzie nelle Comunicazioni Stefano Mannoni annuncia le proprie “dimissioni da vicepresidente del Comitato Italia Digitale”, l’organismo che coordina il passaggio alla tv digitale terrestre. Una scelta maturata “in polemica – spiega Mannoni – con le dichiarazioni del viceministro Romani ieri sera a Report”, il programma di Milena Gabanelli in onda in prima serata su Raitre. Il riferimento è a un passaggio della parte finale della puntata, nel quale Romani ha ipotizzato che sia stato “qualche commissario dell’Autorità  – spiega ancora Mannoni – a fornire al giornalista di Report (Bernardo Iovene, ndr) il testo della lettera riservata della Commissione europea sulla procedura di infrazione” aperta da Bruxelles a carico dell’Italia nel 2006 per alcune norme della legge Gasparri. (segue).

TV: MANNONI (AGCOM), MI DIMETTO DA COMITATO ITALIA DIGITALE (2)
ROMA
(ANSA) – ROMA, 25 MAG – “Non è la prima volta – sottolinea Mannoni, uno dei commissari Agcom che fanno riferimento all’area di centrodestra – che Romani mostra un’eccessiva disinvoltura nei confronti delle prerogative dell’Autorità . Non deve minimamente affermare che i commissari dell’Agcom forniscono documenti riservati ai giornalisti”. Per Mannoni, “si tratta dunque del punto di arrivo di un modo di fare del viceministro che tiene in scarsa considerazione le nostre competenze. Non ritengo dunque che vi siano più le condizioni per continuare la collaborazione: per questo ho presentato questa mattina la mia lettera di dimissioni al presidente dell’Agcom Corrado Calabrò”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi