New media

26 maggio 2009 | 18:24

USA: ADOLESCENTI SEMPRE PIU’ SCHIAVI DEGLI SMS

USA: ADOLESCENTI SEMPRE PIU’ SCHIAVI DEGLI SMS / ANSA
MEDICI, INSEGNANTI PREOCCUPATI PER CRAMPI E CALO ATTENZIONE
NEW YORK
(ANSA) – NEW YORK, 26 MAG – Gli adolescenti statunitensi sono sempre più schiavi degli sms. Se ne sono accorti i loro medici, alle prese con giovani pazienti sofferenti per crampi alle articolazioni, disturbi muscolari e problemi ai tendini. Da quando le compagnie telefoniche americane hanno lanciato offerte che permettono di inviare un numero illimitato di messaggi pagando una cifra mensile fissa, i ragazzi hanno raddoppiato in pochi mesi il numero degli sms inviati. Se la media nel 2008 è stata di 80 al giorno (contro i 40 del 2007), alcuni studenti sono arrivati a scriverne 800 in 24 ore. Il fenomeno ha cominciato a mettere in guardia anche psicologi e insegnanti, che hanno notato i primi effetti collaterali. I giovani più legati alla piccola tastiera hanno difficoltà  a concentrarsi a scuola e si svegliano di continuo durante la notte non appena il loro telefonino comincia a vibrare. Sherry Turkle, uno psicologo che lavora al Massachusetts Institute of Technology di Boston, si è detto preoccupato delle conseguenze che questa mania potrebbe avere sulla loro crescita. “L’adolescenza è il tempo durante il quale ci si comincia a separare dai genitori e si cerca di capire che tipo di persona diventare da adulti. Ma se la tecnologia ti permette di restare in contatto di continuo, è difficile riuscirci. Come ci si può rendere indipendenti quando si mandano 15 sms al giorno alla mamma per chiedere quali scarpe abbinare alla camicia?”. Inoltre, notano gli esperti, i ragazzi hanno difficoltà  a completare un lavoro senza interrompersi. Se vengono raggiunti da un sms ogni cinque minuti è impossibile che riescano a portare a termine una sola riflessione. La tentazione di rispondere immediatamente è troppo forte. Medici e insegnanti ammettono che per ora i genitori non hanno mostrato segni di allarme. Non dovendo più pagare per ogni sms inviato, le madri non si preoccupano nel vedere i loro figli costantemente chini sullo schermo luminoso del telefonino. E se decidono di vietare un uso eccessivo del cellulare, vanno incontro alle loro recriminazioni. Spesso infatti i genitori sono dipendenti dai loro Blackberry non meno dei loro ragazzi. “Gli adolescenti non accettano di essere puniti per un comportamento simile a quello dei loro padri”, conclude Turkle.