LIBRI: L’ESPRESSO, NO EINAUDI A SARAMAGO ANTI-BERLUSCONI

LIBRI: L’ESPRESSO, NO EINAUDI A SARAMAGO ANTI-BERLUSCONI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 28 MAG – Einaudi non pubblicherà  la traduzione italiana del prossimo libro di José Saramago, autore presente con ben 20 titoli nel catalogo della casa torinese. Lo sostiene il settimanale l’Espresso nel prossimo numero, in edicola domani, spiegando la decisione della casa editrice con il fatto che la nuova opera del Nobel portoghese contiene “giudizi a dir poco trancianti su Silvio Berlusconi, che di Einaudi è il proprietario”. Il settimanale riporta poi alcuni brani del libro di Saramago: “Visto che sono pubblicato in Italia da Einaudi, di proprietà  di Berlusconi, gli avrò fatto guadagnare – dice lo scrittore – qualche soldo”. Soldi che, secondo lo scrittore, avrà  usato “per pagarsi i sigari, supponendo che la corruzione non sia il suo unico vizio”. Il sentimento degli italiani per il Cavaliere, continua Saramago nel brano incriminato, “é indifferente a qualsiasi considerazione di ordine morale”. E ancora: “nella terra della mafia e della camorra che importanza può avere il fatto provato che il primo ministro sia un delinquente?”. E via così, compreso il paragone finale – rivela ancora il settimanale – tra Berlusconi e “un capo mafioso”. Il libro è uscito a fine aprile in Portogallo, patria dello scrittore, e in Spagna. Si intitola, nelle rispettive lingue, Il quaderno, come il blog che l’ottantasettenne Saramago tiene dall’anno scorso su Internet, ed è composto dai testi pubblicati sul web tra il settembre 2008 e il marzo 2009. L’edizione successiva doveva essere proprio quella italiana. Secondo l’Espresso il libro non pubblicato da Einaudi sarà  invece edito da Bollati Boringhieri per fine anno. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari