New media

28 maggio 2009 | 16:17

INTERNET: WIRED, WIKIPEDIA AFFIDABILE COME UMBERTO ECO/ANSA

INTERNET: WIRED, WIKIPEDIA AFFIDABILE COME UMBERTO ECO/ANSA
CONFRONTATI ENCICLOPEDIA WEB E SAGGIO, COMBACIANO AL 90%
ROMA

(ANSA) – ROMA, 28 MAG – Wikipedia, o la si ama o la si odia. L’enciclopedia libera del web, inciampata a volte nella diffusione di notizie non vere o imprecise (tanto che si sta pensando di irrigidire le regole di pubblicazione), sembra guadagnare terreno quanto a credibilità . A darle una mano, la rivista Wired.it, che la mette in competizione addirittura con Umberto Eco. Nello specifico, Wired.it, in un articolo dal titolo Fare Eco a Wikipedia, confronta un breve saggio che il celebre intellettuale italiano ha dedicato alla ‘leggenda della Terra piatta’, pubblicato il 23 febbraio su Repubblica (e ora sul sito del quotidiano), con le voci che Wikipedia dedica allo stesso argomento. “C’é un dato che fa riflettere: più o meno il 90% delle informazioni fornite da Eco si può leggere anche sulle due pagine dell’enciclopedia online. Provare per credere”, osserva Wired.it che però precisa: “Il primo dubbio che Wikipedia abbia copiato da Eco è subito fugato. Basta scorrere note e bibliografia. Il dubbio che Eco abbia copiato da Wikipedia (absit iniuria!) non ci sfiora neanche, anche perché le stesse cose le aveva già  pubblicate nel 2001 e ancora nel 2005. Semplicemente, l’Anonimo Enciclopedista ed Eco hanno avuto le stesse (buone) fonti”. Ma allora, che conclusione trarre? “La prima è che Wikipedia non è niente male – afferma Wired -. La seconda è che qualche volta anche il grande Omero sonnecchia. La terza è che bisogna vedere cosa c’é scritto in quel circa 10% di materiale ‘originale’ presente in Eco e introvabile su Wikipedia. Il ‘valore aggiunto’, insomma”. E allora, per vedere quanto il contributo originale di Eco superi in qualità  l’enciclopedia libera, Wired si è esercitato in un’altra verifica: applicare al testo i template di Wikipedia, cioé quelle indicazioni che gli utenti possono inserire quando ritengono che una frase necessiti di correzioni, richieda approfondimenti o presenti qualche aspetto dubbio. Il risultato? “Gli esiti sono sorprendenti”, spiega Wired.it che fa alcuni esempi sul quel 10% di ‘valore aggiunto’: “Eco sostiene che non sappiamo nulla della faccia nascosta della Luna. In realtà , sono 40 anni che ne possediamo una mappa”. E ancora: “Eco scrive che Cosma Indicopleuste (uno dei pochi a sostenere la piattezza della Terra) non fosse conosciuto a nessun autore medioevale in quanto mai tradotto in latino fino al 1706. Ma il ‘patriarca recensore’ Fozio lo conosceva eccome, tanto che cita (e stronca) il suo libro, pur senza indicarne l’autore, nella sua Biblioteca”. Poi la rivista va avanti con una serie di sovrapposizioni. “Un vertiginoso sospetto ci assale – conclude Wired -: non sarà  il caso di annoverare anche il nostro Anonimo Enciclopedista tra i più prestigiosi intellettuali contemporanei?”. (ANSA).