Apc-Editoria/ Per la prima volta arriva in edicola la musica digitale

Apc-Editoria/ Per la prima volta arriva in edicola la musica digitale
Con GazzaMusic Card download di brani musicali ogni mese

Roma, 3 giu. (Apcom) – Per la prima volta arriva in edicola la musica digitale. La Gazzetta dello Sport, in collaborazione con Dada – The Music Movement (www.dada.it), permette, con GazzaMusic Card, di effettuare download di brani musicali in perfetta legalità . L’iniziativa ha cadenza mensile e prende il via con il mese di giugno.

GazzaMusic Card dà  accesso al portale GazzaMusic (www.gazzamusic.it) che offre un catalogo multimediale di 2 milioni e mezzo di brani scaricabili per un totale di 85mila artisti. Il lettore inserisce il codice che trova sulla sua GazzaMusic Card che dà  la possibilità , con solo 9,99 euro, di scaricare 35 brani.

Ogni mese in abbinamento a GazzaMusic Card il lettore trova il GazzaMusic Magazine, una rivista con notizie e anticipazioni sulla musica, ma anche una bussola per orientarsi nel catalogo multimediale offerto da GazzaMusic. Inoltre propone le classifiche italiane, americane e una amarcord che ripropone le hit di anni fa, la playlist del mese e quella di un campione sportivo, il doppio poster, il calendario dei concerti e le news di Dada – The Music Movement.

La prima uscita della GazzaMusic Card, insieme al GazzaMusic Magazine che dedica la cover story a Luciano Ligabue, è in edicola in abbinamento a La Gazzetta dello Sport a partire dall’8 giugno, al prezzo di 9,99 euro più il prezzo del quotidiano. Le uscite successive saranno in edicola dal primo lunedì di ogni mese senza nessuna pausa estiva.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari