CRISI: CISCO E ALCATEL CONTRO PROGRAMMA OBAMA ‘BUY AMERICAN’

CRISI: CISCO E ALCATEL CONTRO PROGRAMMA OBAMA ‘BUY AMERICAN’
ROMA
(ANSA) – ROMA, 10 GIU – Il programma dell’amministrazione Obama ‘Buy American’, varato per rilanciare l’economia americana, non deve coinvolgere i lavori da 7,2 miliardi di dollari volti ad espandere la banda larga negli Usa perché per le aziende high-tech risulta difficile soddisfare i requisiti richiesti per accedere ai fondi. E’ questo l’appello che due giganti del settore delle Tlc, Cisco ed Alcatel Lucent, hanno lanciato oggi presso l’agenzia Nazionale delle Telecomunicazioni, parte del Dipartimento del Commercio, scrive Bloomberg. L’acquisto di attrezzature e materiale tecnologico ‘made’ negli Usa “non sarebbe conveniente” per le aziende coinvolte nel progetto e rappresenterebbe una “radicale partenza” dalle normali pratiche di mercato, sostiene Cisco, aggiungendo che le reti di telecomunicazioni contengono componenti prodotti in diverse parti del mondo. “Alcune attrezzature tecnologiche di cui si avrà  bisogno per i lavori non sono nemmeno più prodotte negli Stati Uniti”, ha detto Alcatel. In gioco ci sono 2,8 miliardi di dollari di finanziamenti. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci