Televisione

10 giugno 2009 | 15:52

RAI: GASPARRI, ‘SPIN DOCTOR’ DELLA SINISTRA DA LICENZIARE

RAI: GASPARRI, ‘SPIN DOCTOR’ DELLA SINISTRA DA LICENZIARE
(AGI) – Roma, 10 giu. – “I giornalisti Rai di sinistra che si sentono spin doctor, per quanto mi riguarda, sarebbero da licenziare. Motivo? La sinistra perde clamorosamente pur avendo occupato i gangli dell’azienda, molte trasmissioni e redazioni nonche’ il mondo della cultura e dell’informazione questo non e’ servito ad un rilancio della sinistra politica anzi alla luce dell’ennesima e clamorosa sconfitta, certi spin doctor camuffati da giornalisti si sono rivelati un bluff’. Lo ha dichiarato il senatore Maurizio Gasparri, presidente del gruppo parlamentare del Pdl al Senato, intervistato a KlausCondicio. Incalzato da Klaus Davi sul futuro della sinistra televisiva, il senatore Gasparri ha rincarato: ‘Non e’ solo la sinistra Rai ad essere avulsa dalla societa’ bensi’ tutta la politica di sinistra che non vive piu’ nella societa’, si fraziona, si divide, litiga e brucia i suoi leader: Occhetto, Prodi, D’Alema, Rutelli, Amato, Veltroni, Franceschini sono astratti. Augias, uno dei guru della critica, copia i libri con Internet: uno scandalo a cui non si e’ dato il risalto che avrebbe meritato. Si pensi a cosa sarebbe successo se fosse stato un letterato di centro-destra a copiare dei libri’. Conclude Maurizio Gasparri: ‘Questo e’ il momento in cui in Rai non lavorino giornalisti orientati politicamente o che promuovono campagne elettorali, bensi’ giornalisti bravi a prescindere dal loro credo politico che siano di destra, di sinistra o di centro.