TLC

10 giugno 2009 | 16:03

TLC: CROSIO (LN), SERVE PIANO PER MERCATO PIU’ CONCORRENZIALE

TLC: CROSIO (LN), SERVE PIANO PER MERCATO PIU’ CONCORRENZIALE
(AGI) – Roma, 9 giu. – “Sono perplesso in seguito alle affermazioni del Viceministro alle Comunicazioni, Paolo Romani, nel corso della sua audizione sulla banda larga e sul Rapporto Caio”. Lo afferma Jonny Crosio, componente per la Lega Nord della Commissione Trasporti e Telecomunicazioni della Camera. “Dopo un anno di dibattito sulle reti di nuova generazione – aggiunge Crosio – la proposta del governo sembra essere quella di garantire, o meglio, di finanziare, l’adeguamento della vecchia rete in rame di Telecom Italia”. Secondo l’esponente della Lega “ci troviamo in una situazione quasi paradossale in cui l’Esecutivo, con fondi pubblici, decide di sostenere, attraverso la sostituzione di apparati installati, gli investimenti inefficienti sostenuti da un operatore privato. Perche’ – si chiede – destinare risorse pubbliche per finanziare questi e non quelli di un altro soggetto?” “Inoltre – prosegue – anziche’ continuare ad assegnare risorse all’incumbent attraverso Infratel, perche’ non si cerca di massimizzare l’utilizzo degli investimenti sostenuti fino a oggi? Come Lega Nord ci saremmo aspettati un progetto di piu’ ampio respiro, volto a sviluppare in Italia un’infrastruttura essenziale per la competitivita’. Continuare ad adottare un approccio di breve periodo rischia di farci trovare, tra un paio di anni, nella condizione di avere un’infrastruttura obsoleta e insufficiente a far fronte alla domanda. Cosi’ – conclude Crosio – si corre il rischio di agevolare esclusivamente l’operatore incumbent e di compromettere la concorrenza in un mercato, quello delle Telecomunicazioni, che vorremmo piu’ libero”.