Bt Italia: incontra i sindacati per verifica livelli occupazionali

Bt Italia: incontra i sindacati per verifica livelli occupazionali

MILANO (MF-DJ)–Bt Italia ha presentato, nel corso di una riunione con i rappresentanti delle organizzazioni sindacali, il piano industriale 2009/2012 che prevede un ridimensionamento del personale di 320 unita’ sui 1400 addetti attualmente impiegati dall’operatore telefonico attivo nel nostro Paese.
L’iniziativa, informa una nota, si inserisce nell’ampio processo di ristrutturazione volto a consentire alla multinazionale inglese un recupero di efficienza e competitivita’.
La crisi che ha investito l’economia mondiale e quella italiana sta provocando una contrazione del mercato delle telecomunicazioni per le imprese e soprattutto una forte riduzione dei prezzi unitari; cio’ impone a Bt Italia di definire un nuovo piano industriale che preveda una forte attenzione a tutti i costi dell’azienda. Con il nuovo piano industriale, Bt Italia intende, da una parte, incrementare l’efficienza e l’efficacia dei propri processi e con cio’ ridurre sensibilmente i propri costi operativi, ma al tempo stesso garantire una struttura operativa adeguata ai volumi di business del mercato italiano (uno dei piu’ importanti per Bt al di fuori del Regno Unito).

“Il nostro obiettivo -ha dichiarato Corrado Sciolla, a.d. di Bt Italia- e’ quello di consentire a Bt Italia di recuperare efficacia operativa ed efficienza senza diminuire il livello di servizio ai nostri clienti. Rimettiamo al tavolo di confronto aperto oggi con le organizzazioni sindacali l’individuazione, con la massima flessibilita’, delle modalita’ di attuazione del Piano”. com/kam

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci